Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Superchunk - What a time to be alive

Chapel Hill, North Carolina. Se questa città a prima vista non vi dice niente non siete né ignoranti né poco informati. Chapel Hill in North Carolina è una cittadini di poco meno di sessantamila abitanti, lontana dall'Atlantico e dalla più famosa Charlotte e sede dell'Università della Carolina del Nord. Insomma, non ci siamo persi niente, tranne che se l'argomento è il rock indipendente.

Già, perchè per una strana congiunzione astrale, di certo la presenza di un'Università e la lontananza dalla frenesia delle metropoli hanno contribuito a creare uno dei fenomeni musicali più inspiegabili degli ultimi trentanni. A Chapel Hill, dalla fine degli anni Ottanta per poi proseguire negli anni Novanta, sono nate alcune tra le band indie più influenti ed importanti: gli Archers of Loaf (forse i più famosi del lotto), i Doleful Lions, la psichedelia dei Polvo, il pop/rock indipendente dei Ben Folds Five e potrei continuare in questo elenco citandone almeno altri dieci. Tra quest…

Ultimi post

Americana, la banda di american rock

"Ulysses" anticipa il nuovo album dei Red Wanting Blue

I The Dirty Guv'nash tornano insieme

I Blackberry Smoke tornano con un nuovo album. Il singolo in anteprima

La musica di Tom Petty e la sua eredità

Robert Plant - Carry Fire

Troviamo il coraggio per dirlo: in Italia il rock non c'è

Blitzen Trapper - Wild and reckless

Ciao, zio Tom

Jonny Lang - Signs