Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2011

La Repubblica parla di Sherwood Anderson

Sottolineo un bellissimo articolo su R2 di Repubblica di ieri sabato 13 Agosto dedicato alla raccolta di racconti Winesburg, Ohio di Sherwood Anderson. L'articolo è di Paolo Mauri.

Il grande Gatsby. Francis Scott Fitzgerald

All'interno dell'ottima trasmissione "Fahreneit" di Radio 3 pochi giorni fa si approfondiva l'importanza di focalizzare i programmi scolastici sulla letteratura lasciando maggiore spazio alla lettura dei libri e sacrificando la storia letteraria.
I sostenitori di questa tesi, tra i quali il sottoscritto, evidenziano come la conoscenza di un romanzo superi l'approfondimento generico, che rischia di creare studenti che intuiscono la grandezza di un autore senza averne mai letta nemmeno una riga.

La digressione sembra artificiosa, ma è indispensabile per meglio comprendere Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald. Molto più che conoscere l'evoluzione della letteratura americana da qualche saggio scolastico, Fitzgerald disegna un romanzo che da solo contiene gran parte delle caratteristiche dei narratori oltreoceano.

Gatsby è il ricco proprietario di una enorme villa che si affaccia su Long Island. La sua vera occupazione, tralasciati degli affari torbidi…

Dave Eggers. L'opera struggente di un formidabile genio

Dave Eggers è un genio. E’ lui il primo a crederlo, intitolando questo sua primo lavoro “L’opera struggente di un formidabile genio”. Appunto.   A distanza di 9 anni dall’uscita di questo libro, la scrittura di Eggers sembra essere ancora più formidabile di quanto pensassimo nel momento in cui queste 480 pagine sono state inserite negli scaffali delle librerie. Eppure non stiamo parlando di fiction. Contrariamente a tutte le regole del mondo dell’editoria, l’opera prima dello scrittore è il racconto della sua gioventù. Ciò che rende questo racconto sconvolgente è da un lato la scrittura pazzesca dell’autore di Chicago, e dall’altro una concatenazione di eventi tragici che renderebbe la storia completamente inventata. In realtà, purtroppo per Eggers, non lo è. 
In breve, e per non togliere il gusto della scoperta pagina dopo pagina, al giovane Dave muoiono nel giro di pochi mesi entrambi i genitori ed entrambi di cancro. Con ormai più nulla da perdere, prende il fratello minore Toph e si …