Cosa sto suonando (che è molto diverso da cosa sto ascoltando)

Un vecchio adagio dei chitarristi recita che più si va avanti con l'età meno di sente l'esigenza della distorsione. Per quanto mi riguarda è vero: la distorsione rende tutto più omogeneo, cancella i piccoli errori ma appiattisce e, soprattutto, limita la dinamica del musicista.

Questa premessa per rendervi partecipi della sbornia che ho preso per una canzone, nello specifico Country Boy. E' questo uno standard blues che sembra non conoscere crisi. In particolare, la versione che mi ha colpito è quella di John Nemeth e della sua band, favolosa! Sentite cosa riesce a fare il chitarrista senza alcuna distorsione e senza alcun effetto se non chitarra, cavo ed amplificatore.

Insomma, ci sto studiando sopra...


Commenti

Post popolari in questo blog

I 100 romanzi imperdibili del secolo scorso...secondo i francesi

La strumentazione di BB King

Il cuore ascolta. Helen Van Slyke