Lasciarci un segno

Con gli Americana si inizia a parlare della possibilità di lavorare su pezzi nostri. La cosa non mi dispiace, anzi. Concordo con l'idea che ad un certo punto si possa fare il salto, prendere tutti i riferimenti musicali suonati in questi anni e portarli dalla nostra parte, declinarli col nostro vocabolario.

Penso che tutto ciò abbia a che fare con la necessità non solo di lasciare un segno, ma anche di lasciarci un segno. Abbiamo bisogno, come molti in questo mondo, di costruire qualcosa sulla nostra pelle. In questo momento delle nostre vite non è semplice iniziare questo percorso, ma potrebbe essere la cosa più stimolante possibile. Ad una condizione, l'unica che potrei porre, senza alcuna scadenza temporale: registrare un disco intero.

Commenti

Post popolari in questo blog

I 100 romanzi imperdibili del secolo scorso...secondo i francesi

La strumentazione di BB King

Il cuore ascolta. Helen Van Slyke