Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2015

Banditos - Banditos

Immagine
Sporchi, selvaggi, fuorilegge. Questo sembra il messaggio che i Banditos vogliono dare nelle foto ufficiali che circolano su Internet. Sorprende quindi che la musica che propongono ha radici solide nel Southern rock americano (e qui l'immagine ci può stare) e nel roots rock.
Con una cover cult ed una sincerità devastante, i sei di Birmingham, Alabama sono una delle cose più interessanti di questo 2015.

Eccone alcune recensioni:

American Songwriter

Roots Highway





Songbook - Il blues intorno a me - L'autobiografia di B.B. King

L'eredità immensa di B.B. King

Immagine
Ormai la notizia ha fatto diverse volte il giro del mondo: B.B. King, il bluesman per eccellenza, ci ha lasciato pochi giorni fa, il 15 Maggio del 2015, nella tranquillità del sonno nella sua casa a Las Vegas.
Lo sapevamo che prima o poi sarebbe accaduto. Da Ottobre scorso non si esibiva più sul palco, che era casa sua e che, come Riley B. ha più volte esternato in varie interviste, lo ha portato nella sua carriera almeno 200 volte l'anno ad esibirsi per il suo pubblico, concorrendo alla fine dei suoi matrimoni ma contribuendo in maniera decisiva a tenere viva la fiamma del blues anche in periodi bui.

Perchè si, siamo chiari, il blues ha avuto periodi sfortunati nei quali le vendite languivano e la critica lo dava per morto. In quel periodo, l'unico nome capace di riempire stadi, vendere dischi ed avere passaggi in radio era lui, Mister BB King. Prendiamo gli anni '70 ad esempio, con boom delle rock band storiche che hanno segnato la storia della musica; lì il blues era ce…

Train - My private nation

Immagine
Correva l'anno 2003 ed i Train stavano ancora riscuotendo i crediti per il loro successo più eclatante, quella "Drops of Jupiter" che aveva sbancato la programmazione video di MTV e venduto vagonate di copie dell'omonimo album. Esattamente due anni dopo, la band capitanata da Pat Monahan da alle stampe My private nation , dimostrando carattere e coraggio: lo sappiamo bene, dopo un disco dalla fortuna clamorosa alcune band hanno atteso anche un lustro a dargli il seguito.

Invece i Train prendono la decisione più saggia, ma anche la più difficile: dimenticarsi di Drops of Jupiter e dare al pubblico un disco bello suonato, anche trattando tematiche importanti e profonde molto più vicine nell'immaginario collettivo al mondo dell'hard rock che a quello usuale dei Train. E sfornano un capolavoro, con l'aiuto fondamentale di prezzemolino Brendan O'Brien nelle vesti di produttore che ancora non si era venduto al mainstream da classifica e si trovava nel punto…

Red Wanting Blue - Little America

Immagine
Fa piacere ascoltare un nuovo disco dei Red Wanting Blue. Dispiace invece constatare che il quintetto di Columbus (Ohio), nonostante la gavetta che li ha portati sin qui, con ben nove dischi prima di Little America in 18 anni di onorata attività, sia praticamente sconosciuto in Europa. Così vanno le cose da noi, è proprio il caso di dire.
Strano, perchè in linea puramente teorica gli ingredienti ci sarebbero tutti: la voce profonda ed intensa di Scott Terry, timbro alla Eddie Vedder più rurale ed una penna sincera, vero protagonista della band; canzoni con uno spiccato gusto della melodia, che sanno dosare chitarre elettriche, acustiche e nelle quali fanno capolino spesso pianoforti ed organi a costruire interessanti trame. Ci sarebbe tutto per avere almeno un po' di visibilità nel vecchio continente, eppure il problema sembra essere nel genere, a cavallo tra il sincero rock americano e, appunto, l'americana, stili che restano indigesti da noi che siamo più propensi a premiare…

Songbook - La valle dell'Eden

The Weather Machine - Peach

Immagine
Slater Smith è un bel personaggio, proviene dal Missouri ma ha deciso di stabilire la sua dimora musicale a Portland, Oregon, dove indubbiamente l'industria discografica è molto più viva e con i suoi The Weather Machine costruisce piccole gemme a cavallo tra folk, alt country e rock.

Su Paste Magazine oltre alla recensione potete ascoltare tutti i brani di Peach, davvero un gran disco.

Songbook - Stoner di John Williams