The Dirty Guv'nash - Hearts on fire

I Dirty Guv’nash continuano ad essere uno dei segreti meglio custoditi della musica americana. Giunti al quarto lavoro nella lunga distanza, Hearts on Fire conferma tutti i punti di forza messi in luce in anni di onorato servizio, ma forse nemmeno questo basterà per avere un po’ di visibilità al di fuori del midwest e del southeast.

Il sestetto di Knoxville (Tennessee) prosegue in maniera convinta con la sua proposta musicale  a cavallo tra rock sudista (attenzione, da non confondersi con Southern Rock) ed una chiara influenza  blues, che li inserisce all’interno del filone del rock tradizionale americano, ma con uno sguardo più particolare.
Per Hearts on fire la formula non cambia, ed anche il livello delle composizioni si mantiene alto, con qualche sorpresa in più: “Where we stand” con i suoi hand-claps propone un crescendo che esplode in un tripudio rock, “Ever start to wonder” pesca a piene mani dalle parti dei Jefferson Airplane. Stavolta si lanciano in una possibile hit da classifica come “Morning Light”, la cui melodia è trascinante, ma è con le ballad che, ancora una volta, alzano la media del disco.
“Dear Jamie” nasconde una torbida storia dietro una melodia cristallina, ma è soprattutto “Someone to love” a creare dipendenza, con un solo slide lunghissimo nel finale che si intreccia con cori sudisti, chitarre elettriche imbizzarrite ed un organo sempre presente, vero protagonista del disco.

Non manca nulla ai Dirty Guv’nash per puntare in alto, ma egoisticamente la speranza è che questa purezza musicale non venga scalfita da necessità di classifica. E’ difficile trovare, nel 2015, band che suonino con questa leggerezza, con un occhio bello puntato alla tradizione ed un altro a costruire canzoni. Ed ecco allora, definitivamente, il loro punto di forza: i DG hanno le canzoni, molti altri no.

Commenti

  1. Questo me lo compro assolutamente ! :)

    RispondiElimina
  2. Grande gruppo Nick, grande gruppo....non ti consiglio nemmeno un disco rispetto ad un altro, qualunque peschi va bene :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I 100 romanzi imperdibili del secolo scorso...secondo i francesi

La strumentazione di BB King

Il cuore ascolta. Helen Van Slyke