Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2012

Una pace perfetta. Amos Oz

L’inverno e la primavera della vita hanno sapori, e parole, diverse. Deve essere partito da questa idea, un dato di fatto a ben vedere, lo scrittore israeliano Amos Oz per scrivere Una pace perfetta, un suo romanzo datato 1970 che in realtà trasuda di forte attualità, politica in primis.
Il concetto di fondo che animò la vita dei kibbutz israeliani ha rappresentato uno dei pochi esempi di socialismo reale che abbia trovato applicazione nella società moderna. Un luogo con regole rigide il kibbutz, con segretari eletti ciclicamente tra i residenti, con lavori che vengono effettuati a turnazioni, con la sospensione della moneta ed il ripristino di un baratto contemporaneo: tutto è gratis, se ognuno ha svolto con perizia il proprio lavoro. Fuori del kibbutz sta per scoppiare la guerra dei sei giorni. Dentro il kibbutz alcuni rapporti sentimentali sono sul filo del rasoio. Il romanzo si svolge in due distinti momenti: l’inverno e la primavera. Nel grigio inverno, dove le attività agrico…